Il polo opposto della Ville Lumière 

Spente le luci della ribalta, dell’houtecouture, terminato lo sfarzo dell’eleganza, chiuso il mondo del lusso e dell’apparire si può scendere in fondo ad un’altra Parigi.

Quella,meno apparenze, eleganze, finto vero, 

ma più oscuro e perché no …. Buio,nascosto,poco elegante, ma estremamente affascinante. 

La verità è che sotto la città di Parigi c’è un mondo segreto fatto di arte, musica, spettacolo e divertimento… ma non ditelo a nessuno. 

Itinerari legali ed illegali … a voi la scelta, la Ville Lumière, estremamente al contrario, sotterranea, profonda,buia e popolata da persone diverse per ceti sociali ma affini nell’oscuro. 

La tipica leggenda narra che quando fuori piove, a Parigi, si scende nei bassi fondi per stare al coperto …. 

Se così si vuole immaginare o più semplicemente affrontare itinerari fuori dai circuiti classici, in un inedito tour underground.


Lègal

Primo ingresso ,Musée des Égouts

bizzarro museo della più grande rete fognaria del mondo , pompe di sollevamento d’acque chiare e scure. 

Le catacombe ci catapultano nel più  famoso romanzo di Victor Hugo |I meserabili|.

Bisogna scendere 130 gradini e percorrere 2 km a piedi camminando tra migliaia di ossa e teschi geometricamente accatastati. 

Sono oltre 6.000.000 i resti dei parigini che, tra l’XVIII e il XIX secolo, furono destinati al fresco delle Catacombe (qui, la temperatura fissa è di 14°C),

Meno macabra,la  Cripta archeologica che si trova sotto il sagrato della Cattedrale di Notre-Dame,

racconta l’evoluzione dell’Île de la Cité attraverso gli scavi archeologici.



Location più nota e frequentata, la metropolitana parigina vanta alcune fermate d’artista che valgono uno sguardo più attento, come «Arts et Métiers», 

ispirata ai racconti di Jules Verne e «Abbesses», con la sua vorticosa scala a chiocciola e i graffiti della street art.

Illégal

Strano ma vero l’itinerario non legale appare più folcloristico meno macabro e sorprendentemente artistico e creativo. 

È vero sotto  la città di Parigi si estende un labirinto di gallerie abbandonate, tunnel e camere off limits, un luogo sempre più frequentato da una comunità segreta di Street Artist, appassionati di storia. 

Vengono soprannominati cataphiles, amanti delle catacombe.

C’è chi dipinge nella rete sotterranea e chi invece fa festa in una vecchia fabbrica di birra, sempre di più a Parigi, le persone scendono nel sottosuolo per esplorare il lato off limits della città. 

Alcuni cercano pace e tranquillità dal caos cittadino, altri perché qui trovano una tela insolita per la loro arte, 

altri ancora perché c’è sempre un potenziale posto per fare una festa con gli amici, a un costo inferiore e in un clima più suggestivo che nei locali in superficie.

Chi viene beccato in questo tratto di sottosuolo non autorizzato alle visite, rischia una multa di almeno 60 euro e non sono pochi i pericoli per chi si avventura per sentieri pericolosi a causa crolli o altri imprevisti.

Una volta sotto, lo spirito è accogliente e molti trovano un senso di comunità e di uguaglianza che sostituisce tutta la gerarchia che resiste in superficie. 

Sono lì tutti per la stessa passione, qui un banchiere e un punk entrano nella stessa dimensione, senza accorgersi della propria sfera sociale. 

Nella parte legale si nota con profonda critica il nero nel bianco … Il pulito apparente,nell’apparenza … 

Nella  parte illegale, che viene sempre giudicata come oscura e sbagliata … si nota il bianco nel nero, dettato dalla creatività … 

Ciò che all’apparenza sembra giusto,elegante e sfarzoso, nasconde sempre qualcosa di poco pulito.

Ciò che all’apparenza sembra sbagliato e misero, nasconde sempre qualcosa di più pulito. 

|BUON VIAGGIO NEL SOTTOSUOLO DELLA VILLE LUMIÈRE|

Annunci

VII


Questo Arcano rappresenta la Vittoria che si può ottenere grazie all’autodisciplina, allo sforzo sostenuto, all’impegno costante e all’azione energica. 

È il tempo per agire con rapidità e decisione. 

Bisogna aggredire i problemi come se si dovesse, in una lotta, concentrare tutte le proprie energie per sferrare un singolo colpo mortale all’avversario. 

Questa carta ti insegna a perseguire i tuoi obiettivi con determinazione e piena fiducia in te stesso.

Il viaggio che il Carro compie rappresenta il percorso da un punto A (la tua condizione attuale, dove sei adesso) a un punto B (il tuo obiettivo). 

Questo è il tempo di iniziare il viaggio e realizzare i tuoi sogni.  

Concentra la tua energia su una cosa alla volta. 

Focalizzati su un obiettivo con tutto il tuo essere e raggiungilo. Coltiva l’autodisciplina e l’autocontrollo. 

Evita le distrazioni. 

Tieni lo sguardo fisso sull’obiettivo. 

Evita le tentazioni che ti indurrebbero fuori strada. 

Credi in te stesso e nelle tue capacità. 

Prendi in mano la tua vita.

Non aspettare che le cose cambino, ma sii tu a cambiarle. 

Agisci nel mondo esterno, non solo dentro di te.

~

~

~

~

-🎨

Amore e Psiche 

« Ho baciato sotto l’ascella la donna in deliquio che tende verso Amore le sue slanciate braccia di marmo. 

E che piedino! Che profilo! Ch’io possa esser perdonato, da tanto tempo questo è stato il mio solo bacio sensuale, 

ed è stato qualcosa in più: ho baciato la bellezza stessa, 

ed era al genio che sacrificavo il mio ardente entusiasmo .»
-Gustave Flaubert

-Amore e Psiche

-Antonio Canova 

-Louvre

-Paris

Rivalità 


Quattro colossali figure, 

sedute in pose contrastanti, 

impersonano i grandi fiumi dei quattro continenti:

il Nilo,

il Gange, 

il Danubio e 

il Rio della Plata. 

La fontana, coronata dalla colomba dello Spirito Santo – emblema del Papa Innocenzo X, committente dell’opera – 

fu anche interpretata come simbolo del trionfo della chiesa sulle quattro parti del mondo. 

La tradizione che vuole il Bernini rivale al contemporaneo Borromini, ha costruito la leggenda per la quale il personaggio che nella fontana impersona il Rio della Plata alzerebbe la mano verso la prospiciente chiesa di S. Agnese – straordinaria opera del Borromini – in segno di difesa.
La leggenda, molto popolare ancora ai giorni nostri, è legata alla rivalità tra il Bernini e l’altro grande maestro del barocco, il Borromini

Si tramanda infatti che la statua del Rio della Plata tenga alzato il braccio per ripararsi dall’eventuale crollo del campanile o della cupola della prospiciente chiesa di Sant’Agnese in Agone e per sorreggere i suoi resti; 

ugualmente la statua del Nilo si copre il volto per non doverla vedere, (in realtà, la copertura della testa è dovuta al fatto che quando fu realizzata non se ne conoscevano ancora le sorgenti). 

Si tratta di un evidente anacronismo storico, poiché la fontana fu realizzata tra il 1648 e il 1651, mentre la chiesa di Sant’Agnese in Agone fu iniziata dal Borromini non prima del 1652.

Non sempre il narrato e le apparenze inducano al vero