Aubrey Beardsley … L’iniziatore del Grafic Design


Non se ne parla quasi mai, quando invece merita veramente del tempo e dell’attenzione, esteta e dandy all’ennesima potenza, ricopre quella sfera di poco ma intenso tempo della cultura figurativa e grafica dell’Inghilterra della seconda metà dell’Ottocento. 

Se è vero, come dice il poeta, che “muor giovane colui ch’al cielo è caro” allora Aubrey Beardsley, che in poco più di 25anni consumò una parabola quasi perfetta, osannato, vezzeggiato, combattuto da amici e avversari,dovette essere molto caro agli dei. 

L’opera grafica di Beardsley, vastissima, nasce come un frutto maturo nella sua società di origine e, pur con tutti i riferimenti al passato si pone, nei fatti, come un eccipiente notevole di modernità e progresso. 


La sua cultura grafica e iconografica pesca a piene mani negli Arts and Crafts di William Blacke, per esempio, e il suo gusto per la linea, per l’alternarsi simbolicamente ieratico del bianco e del nero in una bidimensionalità presso che perfetta, dando l’iniziazione al nascente movimento Liberty.


Nel Liberty, il decorativismo e la ripetitività grafica sono concetti precisi netti, in Beardsley diventano costantemente concetto, provocazione, narrazione. 

La sua opera grafica corre sempre su questo doppio binario: un estrema accuratezza formale, ai limiti della leziosità, al contempo una forza suggestiva, simbolica ed evocativa che riesce sempre a colpire e a provocare. 


Provocare… Irritare , se si considerano le reazioni della società del tempo alla pubblicazione dei disegni della Salomè di Oscard Wilde, che fu uno dei grandi mentori dell’artista, o a quelli della Lisistrata di Aristofane, proprio per l’essenzialità della sua grande carica iconica. 



 Aubrey Vincent Beardsley è colui che riuscì ad andare oltre le apparenze oltre il bigottismo dell’epoca oltre il colore, nasceva nell’Ottocento il primo Grafic designer dai colori bianchi e neri, caricature, linee, decorazioni perfetto stile e provocazione.

” IL CONTENUTO  VIENE PRIMA DEL DESING, 

IL DESING SENZA CONTENUTO NON È DESING, 

È DECORAZIONE.”

 

Annunci

Autore: audreistile

La passione è vita L'artista è il creatore di cose belle,rivelare l'arte senza rivelare l'artista è il fine dell'arte, coloro che scorgono cattive intenzioni nelle belle cose, sono corrotti, senza essere interessati. Questo è un difetto. Oscar Wilde

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...