Aubrey Beardsley … L’iniziatore del Grafic Design


Non se ne parla quasi mai, quando invece merita veramente del tempo e dell’attenzione, esteta e dandy all’ennesima potenza, ricopre quella sfera di poco ma intenso tempo della cultura figurativa e grafica dell’Inghilterra della seconda metà dell’Ottocento. 

Se è vero, come dice il poeta, che “muor giovane colui ch’al cielo è caro” allora Aubrey Beardsley, che in poco più di 25anni consumò una parabola quasi perfetta, osannato, vezzeggiato, combattuto da amici e avversari,dovette essere molto caro agli dei. 

L’opera grafica di Beardsley, vastissima, nasce come un frutto maturo nella sua società di origine e, pur con tutti i riferimenti al passato si pone, nei fatti, come un eccipiente notevole di modernità e progresso. 


La sua cultura grafica e iconografica pesca a piene mani negli Arts and Crafts di William Blacke, per esempio, e il suo gusto per la linea, per l’alternarsi simbolicamente ieratico del bianco e del nero in una bidimensionalità presso che perfetta, dando l’iniziazione al nascente movimento Liberty.


Nel Liberty, il decorativismo e la ripetitività grafica sono concetti precisi netti, in Beardsley diventano costantemente concetto, provocazione, narrazione. 

La sua opera grafica corre sempre su questo doppio binario: un estrema accuratezza formale, ai limiti della leziosità, al contempo una forza suggestiva, simbolica ed evocativa che riesce sempre a colpire e a provocare. 


Provocare… Irritare , se si considerano le reazioni della società del tempo alla pubblicazione dei disegni della Salomè di Oscard Wilde, che fu uno dei grandi mentori dell’artista, o a quelli della Lisistrata di Aristofane, proprio per l’essenzialità della sua grande carica iconica. 



 Aubrey Vincent Beardsley è colui che riuscì ad andare oltre le apparenze oltre il bigottismo dell’epoca oltre il colore, nasceva nell’Ottocento il primo Grafic designer dai colori bianchi e neri, caricature, linee, decorazioni perfetto stile e provocazione.

” IL CONTENUTO  VIENE PRIMA DEL DESING, 

IL DESING SENZA CONTENUTO NON È DESING, 

È DECORAZIONE.”

 

IL VINO DEGLI AMANTIL’aria è splendente, oggi: che meraviglia! Senza morsi né speroni né briglia ce ne partiamo a cavallo del …

L’aria è splendente, oggi: che meraviglia!
Senza morsi né speroni né briglia

ce ne partiamo a cavallo del vino

verso un cielo incantevole, divino.
Come due angeli morsi dall’ansia

acuta che, implacabile, li strazia,

nel vetro blu del mattino seguiamo

di quel lontano miraggio il richiamo.
Mollemente cullati sopra le ali

di un turbine che sale con sapienza,

in un delirio che insieme ci assale,
affiancati in armoniosa alleanza,

fuggiremo, sorella, abolendo ogni

attesa, nel paradiso dei sogni.

L’incomprensione


A volte è meglio … Molto meglio essere incompresi, vivere nel mondo dei contrari, che mischiarsi ad un etichetta, è triste vuoto insulso. L’incompreso è colui che va oltre, vede, ascolta,studia, ma poi dentro se ha un mondo, difficile da scoprire, ma pieno, vero, obbiettivo, forse severo ma giusto, reale, una visione che si oppone al superficiale, lo ignora , colui che si dipinge per ciò che non è, si confonde nella massa… L’incompreso,colui che lotta, il bello è quello, il duello con la vita il conformismo, il non vero, non fa per lui. 

Perché la gente si dipinge per ciò che non è veramente, perché dare una visione di loro non vera, ma poi il vero incompreso è veramente il problema ? 

Beh … No il problema è la massa, colui che si distingue per ciò che è ciò che rappresenta non è mai un problema, il mondo è grande… La gente piccola … 

L’incompreso che fantastico mondo …. Il vero su tutto! 

Formal Man 

Vestibilita

Rivista la Vestibilità degli abiti nelle zone dove il cliente lamenta quasi sempre una sofferenza di agibilità’ 

Bilanciatura – appiombo 

Aumento del sormonto davanti – cran 

Maggior agio in zona addome 

Interventi fatti su 

APPIOMBO 


SPALLA 

rotazione della spalla in avanti, permettendo il meno possibile il difetto che tutti lamentano pieghe e poca Vestibilità 

MANICA 

rotazione della manica in avanti 

STILE 

addolcita la stondatura del bordo e rever nello specifico il CRAN 

CRAN 

è l’angolatura tra il collo e il bavero 



I DROP  rimangono gli stessi D6 D7 D4 ma il CRAN cambia 

D6 CRAN rever medio 

D7 CRAN rever stretto 

D4 CRAN medio largo 

Sul D4 si passa da tre a due bottoni 


COME CALCOLARE TG E DROP 

Si parte dal fatto che ogni costruzione di una giacca avviene da un cartamodello base, in termini tecnici sartoriali, un modello di costruzione a questo aspetto 


Esempio 

semicirconferenza torace 100cm

semicirconferenza vita 88 cm 

Perché semi, perché su modello sartoriale tutte le misure vengono riportate a metà quindi semi sta per diviso due 

Viene poi riportato sulla stoffa piegata in doppio avendo così, una volta tagliata e aperta, le parti avanti e dietro intere. 

Quindi 

Semicirconferenza torace è 100:2= Tg 50

Semicirconferenza vita è 88:2=44

DROP 

Semicirconferenza torace – semicirconferenza vita = drop 

50-44= 6 drop 

COLLI

MEZZO FRANCESE 


Classico con stecche estraibili 

Il più versatile sia formale che new formal 

COLLLO FRANCESE 


Stecche estraibili molto ampio aperto 

 Identificato come il collo formal più classico da abito 

 FRANCESE PICCOLO


Aperto senza stecche 

Utilizzato per noi sopratutto su articoli ” Stretch”

BUTTON DOWN 


Caratteristica bottini 

Formal classico utilizzato su fantasie quadri per noi 

COLLO PICCOLO ITALIANO 


Chiuso con stecche 

Utilizzato per noi su articoli ”Stretch”

L’anima dell’artista 

L’anima dell’artista è un anima profonda, abissi e risalite. 

Un animo che puoi solo averlo e non trovarlo, acquistarlo, cercarlo … Ho lo hai o non lo hai.

É un animo che non puoi comprenderlo se non è in te, può essere dandy o dannatamente dannato, 

può essere dolce e soave o profondo come un abisso perso nel fondo del tuo io ,

luce o buio, bianco o nero, positivo o negativo, creazione o distruzione,poli opposti che si attraggano e si respingono, creano, distruggono. 

L’animo dell’artista é il regalo più bello e sofferto che la vita ti può regalare …

 Un mondo che non tutti possono comprendere, ma che ti riempie giorno dopo giorno, ora dopo ora, minuto dopo minuto, dandoti sempre quella fottuta voglia di non mollare mai.